Investimenti

Investimenti alternativi per il 2020

Investimenti alternativi per il 2020

Investimenti alternativi per il 2020: di cosa parliamo?

Quante volte abbiamo pensato di investire i nostri soldi e poi abbiamo desistito per non meglio specificate ragioni? Il 2020 potrebbe essere l’anno buono per puntare sugli investimenti alternativi, quelli non di stampo tradizionale tanto per intenderci, in grado di portare con sé soddisfazioni e remunerazioni convincenti.

Ma perché gli investimenti alternativi stanno riscuotendo così tanto successo? La risposta è semplice: in un momento così difficile dal punto di vista economico-finanziario, gli investimenti considerati sicuri fino a qualche tempo fa stanno iniziando a perdere il loro valore, diventando poco redditizi e, pertanto, inutili. Le soluzioni d’investimento alternative, invece, hanno il pregio di diversificare il portafoglio giacché non sembrano, allo stato attuale almeno, soffrire per le tradizionali frizioni sul mercato, riuscendo a resistere alla crisi economica derivante anche dalla caduta libera delle banche, promotori e intermediari. 

I migliori investimenti alternativi per il 2020

Ma, allora, quali sono i migliori investimenti alternativi su cui puntare per provare a rendere più roseo e soddisfacente dal punto di vista economico il nostro 2020? Preliminarmente, secondo gli esperti, occorre volgere lo sguardo verso quei settori considerati quasi di nicchia, quelli in cui l’eccellente qualità e la rarità sono capaci di fare la differenza. Il mercato dell’arte, non a caso, rientra proprio in quest’ultima tipologia: dipinti, sculture e manufatti rappresentano un investimento importante e redditizio.

Uno dei rischi, però, potrebbe essere il livello di spesa eccessivamente alto per entrare nel mercato, soprattutto nel caso di artisti già affermati oppure, al contrario, di investire senza ottenere riscontri nell’immediato nel caso di emergenti. Un investimento alternativo più abbordabile è quello dei vini d’annata. Anche se non si è proprio degli intenditori, investire in vini d’annata comporta, secondo gli esperti, un guadagno in percentuale compresa tra il 6% e il 15% annui, un margine decisamente più alto rispetto a quello dei mercati tradizionali. Ovviamente, più il vino sarà raro e ricercato più le sue quotazioni tenderanno a salire quando le forniture inizieranno a scarseggiare. 

Non solo arte e vini pregiati

Se gli oggetti da collezione e i pregiati vini d’annata costituiscono il “plus” degli investimenti alternativi, il mercato consiglia di puntare anche su francobolli, fumetti, sigari, gioielli e monili antichi. Se collezionare e investire in francobolli può portare anche a un ritorno economico del 25% dopo 5 anni, i fumetti d’epoca consentono un guadagno importante, soprattutto se si investe in edizioni rare e introvabili.

Settore particolarmente interessante è quello della numismatica. In questo campo, non è tanto la collezione a fare la differenza quanto più la rarità delle monete e il metallo con il quale esse sono state coniate. Abbiamo la possibilità di investire nelle monete coniate dai governi nazionali, proprio come l’American Gold Eagle oppure scegliere quelle del Krugerrand del Sudafrica, particolarmente rare e preziose.

Questo tipo di investimento alternativo può fornire un eccellente guadagno: secondo gli esperti, infatti, esso permette un ritorno fino al 100% in un anno nel caso di monete introvabili. Inoltre, considerato piuttosto sicuro, l’investimento in monete è tra i più apprezzati a livello internazionale. Infine, se il potere d’acquisto lo consente, per il 2020 si può investire anche in auto e moto d’epoca: i costi sono alti, è vero, ma il ritorno in termini di guadagno può sfiorare il 28% annuo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back To Top